CERCA NEL BLOG

domenica 11 dicembre 2016

Amico: figlio di Poseidone e della ninfa Melia; costringeva al pugilato chiunque passasse per il suo paese. Gli uomini cambiarono l’accento e fecero di lui un benevolo legame sentimentale

Oggi, un amico piuttosto sensibile alla mia condizione patrimoniale, di quelli che “bisogna fare girare l’economia”, si è avvicinato circospetto, evidentemente imbarazzato, e ha fatto ciò che ogni buon amico dovrebbe davvero fare. Preoccuparsi, mettere in guardia, pro-porre consigli utili per il buon funzionamento della comunità collettiva.

Non so dire se il suo fosse solo il ghigno compiaciuto degli arrivati, di quelli che la sanno lunga e pontificano dal successo ottenuto una scienza del mondo squattrinata, oppure davvero la benevola preoccupazione dell’eco che si riduce in fastidiosa compassione.
Amico prende fiato, sospira, si avvicina lento puntandomi addosso i suoi soliti occhi ittici. Due sfere enormi, che ad ogni passo si accendono di una convinzione mai vista nei pesci palla: “come pretendi di essere assunto da un’azienda seria e di trovare un lavoro ben retribuito? – e continua, con tono inquisitorio, avvolto dal suo fuoco sacro – se nel Cv inserisci l’indirizzo del tuo blog e se lo leggono, non ti assumeranno mai!”. Amico era ancora paonazzo, provato ma finalmente libero da quel groppo soffocante. Il volto svuotato, le guance scavate, gli occhi finalmente acquietati si erano ritirati, incassati come dopo un orgasmo appassionato. Io ero più colpito dal suo coraggio che dalle sue parole, tentennavo sorpreso, ammutolito da quello slancio caricato a pallettoni.


Fissai lo sguardo sui piedi, ricordo, quasi a voler trovare la conferma che fossero lì dove le mie scelte esistenziali li avevano lasciati. Laddove la sofoclea Clitemnestra aveva messo radici per poter dar forma alle risposte: “è la millenaria lotta tra individui e collettività, tra chi vuole servire e chi serve un solo padrone, in fondo so che faccio cose a me opportune e a voi sconvenienti”.

1 commento:

Enrico Vettorato ha detto...

(l'amico consiglia di togliere l'indirizzo del tuo blog dal CV) l' 'amico' 'consiglia' di censurarti... invito l' 'amico' a cliccare sull'indirizzo del tuo blog, leggerlo portando attenzione, se lo fa il CONSIGLIO sarà: l'indirizzo del tuo blog scrivilo in grassetto...